Blog & News

News & Eventi dal nostro Blog

green big egg

L’amore dell’umanità per la grigliata

Se c’è una cosa di cui possiamo andare sicuri, e ultimamente ne abbiamo scritto parecchio su queste pagine, è che le cose cambiano continuamente. Soprattutto nella nostra epoca; ancora di più in questo periodo, segnato da pandemie, corse alla digitalizzazione e tentativi più o meno riusciti di adattarsi a nuovi contesti sociali, lavorativi e sanitari.

Le cose cambiano, continuamente. Non possiamo negarlo. Alcune cose però, restano fondamentalmente uguali, anche per secoli. Millenni, addirittura. Ecco, l’amore dell’umanità per la grigliata è una di quelle cose che non cambiano. Quelli di cui vi parleremo oggi sono due oggetti al contempo molto simili e molto diversi tra loro. Ma legati da un filo lungo ben 3000 anni. 3000 anni di amore per la grigliata, appunto. O per il barbecue che dir si voglia.

Indubbiamente, tra le tante cose che la bella stagione ci riporta, insieme alla voglia di stare all’aperto, è quella di farci ogni tanto una bella grigliata, che sia di carne, pesce o verdure. Il piacere di un barbecue in famiglia o con gli amici è impagabile, e lo sa bene chi possiede un giardino, luogo ideale per grigliare come si deve.

Ma chi il giardino non ce l’ha, e magari vive in centro città o in zone densamente popolate, difficilmente avrà dei vicini disposti a respirarsi il fumo del suo barbecue senza batter ciglio, e senza chiamare i carabinieri. Ma, se come abbiamo detto, le cose cambiano continuamente, anche gli amanti delle grigliate urbane adesso hanno i loro santi in paradiso. Anzi, i loro progettisti.

La casa tedesca LOTUS GRILL, infatti, nata nel 2010, si occupa di progettare e ottimizzare sistemi di cottura alla griglia senza fumo. E i loro barbecue, chiamati semplicemente Lotus Grill, a quanto pare riescono benissimo nel loro intento, visto il successo di pubblico che stanno ultimamente riscuotendo. E dopo averlo provato, siamo anche noi convinti nel consigliarlo come caliente compagno di serate in questo periodo di outdoor che rifioriscono all’insegna del design e dell’usabilità più sfrenata e godereccia.

Ma cos’è esattamente Lotus Grill?

Un Barbecue, nella sua essenza; ma un barbecue che potremmo definire “urbano”. Senza fumo e hi-tech, trasportabile e lavabile in lavastoviglie: insomma l’ausilio perfetto per tutti quelli che non hanno un giardino ma non vogliono rinunciare ad una grigliata vera. Di quelle col carbone, per intenderci. Lotus Grill infatti funziona a carbone, e si alimenta a batterie o tramite un power bank collegato tramite porta micro-usb, è trasportabile perché poco ingombrante, ma abbastanza capiente per grigliare una buona dose di cibo.

I diametri disponibili sono quattro, 28, 32, 43 e 57 cm, utili a soddisfare le esigenze di tutti. La forma è simile a quella di un secchiello, con una doppia parete. Esternamente acciaio smaltato a polvere, in diverse colorazioni design: rimane sempre abbastanza freddo per essere trasportato. All’interno troviamo la seconda “scodella” in acciaio inox, al di sopra della quale va la griglia di cottura. Al centro abbiamo un cilindro che fa da camera di combustione per il carbone, protetto da un sistema che permette al calore di uscire e spandersi dalla scodella interna alla griglia, impedendo però al grasso di entrare a contatto con la brace.

Niente fumo, semplice. Si carica il carbone nella camera, aggiungendo un poco di gel infiammabile, si accende il regolatore di fiamma al massimo e in quattro minuti la brace è accesa e scoppiettante, senza fare fumo, o facendone comunque una quantità irrisoria. Per preparare pietanze molto grasse si può aiutare il sistema smokeless aggiungendo un po’ di acqua sul fondo della scodella interna. Dopo si abbassa il regolatore della fiamma su un livello medio e si aspetta che la grigliata sia pronta, proprio come un “vero” barbecue, ma senza effluvi a danneggiare i rapporti coi vicini.

Dopo, si lava tutto in lavatrice, visto che è acciaio inox. Le due versioni più grandi hanno anche un coperchio a campana con termometro incorporato, che fa un effetto forno, utile per alcuni tipi di cotture.

Consigliato per le vostre grigliate urbane, casalinghe, o anche per campeggi e gite, data la praticità di trasporto (è fornito di una praticissima custodia di trasporto in nylon morbido e resistente). Dieci.

Il secondo protagonista di questo excursus è un oggetto di natura differente. Un pezzo impegnativo. Non proprio recente, ma con una tecnologia che ancora oggi rimane insuperata. Anzi, negli USA è una vera e propria icona del barbecue da più di 40 anni. Era il 1974, infatti, quando ad Atlanta, in Georgia, nacque la prima fabbrica di BIG GREEN EGG. Anche se, come accennato in apertura, questo barbecue, come idea, nasce circa 3000 anni fa in Giappone.

Andiamo con ordine: anche Big Green Egg, come Lotus Grill, è un barbecue. Ma se il piccolo tedesco è un gioiellino hi-tech pensato per grigliate urbane sobrie e, in fondo, senza troppe pretese, l’americano è grande, pesante, costoso e professionale. Assicurato dai produttori per durare una vita. E non stiamo scherzando. La certificazione ISO 9001 dichiara che questo barbecue colossale può reggere 100.000 grigliate senza mai calare di prestazioni.

Un pezzo da lasciare in eredità ai nipoti, insomma, insieme a una bella dose di carbone. Il barbecue è, come suggerisce il nome, un grosso pezzo di ceramica verde di forma ovoidale, il quale deriva dai cosiddetti kamado, barbecue giapponesi utilizzati da più di 3000 anni. I soldati americani si innamorarono delle pietanze cucinate dentro queste grosse “uova” e ne portarono diversi esemplari in madrepatria.

Da qui poi si arriva ad Atlanta, con la Big Green Egg che avrebbe perfezionato il tutto tramite l’utilizzo di una particolare ceramica la cui composizione sarebbe stata studiata apposta dalla NASA, pensate un po’. Come si può vedere dalle foto, anche questo barbecue è disponibile in diverse dimensioni, ma tutte abbastanza ingombranti. Per questo, oltre che per il peso e per il fatto che big green Egg di fumo ne fa, e anche tanto, l’utilizzo è consigliato in un giardino, anche un po’ grande, che permetta una buona circolazione dell’aria.

L’utilizzo è professionale, come già detto, e tramite il sistema di entrata e di uscita dell’aria e del fumo sviluppato nella camera di combustione, le temperature di cottura che Big Green Egg sviluppa possono variare dai 70 fino a 350 gradi, cosa che permette di cucinare in tantissime maniere.

Non solo griglia diretta su brace quindi, ma anche a vapore, affumicatura lenta e tutta una serie di cotture ad altezze intermedie offerte dalle dimensioni del barbecue e dai numerosi accessori disponibili. Lo spessore e le capacità refrattarie della sua ceramica, inoltre, lo rendono immune alla temperatura esterna che, torrida o glaciale, non ne influenza in maniera alcuna le prestazioni di cottura. Insomma, se volete un barbecue che vi garantisca grigliate perfette per generazioni, Big Green Egg fa al caso vostro. Preparate pure il giardino.

Trovate Big Green Egg e Lotus Grill nel nostro showroom di Fa Maggiore Bulthaup, assieme a tanti altri accessori per barbecue e cucina outdoor e indoor

Seguici sui nostri canali social FacebookInstagram e Linkedin per restare aggiornato sulle novità presenti nei nostri stores.

CATEGORIE

ULTIMI POST

Chi Siamo

Da oltre 80 anni siamo il punto di riferimento nel campo del Design e dell’arredamento.

INFORMATIVA PRIVACY
COOKIE POLICY

SFOGLIA LA NOSTRA BROCHURE

Arredamenti Fogliarini SpA
a socio unico

Sede Amministrativa:
Strada Provinciale km 9,6
18032 Perinaldo (IM), Italy
Sede Legale:
Via Ferrante Aporti 18
20125 Milano, Italy

Partita IVA e cod. CEE 06830660152
REA: MI1128755
Iscr. Registr. Imprese e C.F. 00118150085
Cap. Soc. € 500.000,00 i.v.

Copyright © 2018 Fogliarini.com. | Credits